Spoleto, 40 artisti al Fuori Festival di Tommaso Clarici Monini

Accanto ai grandi nomi del Festival di Spoleto, torna il FuoriFestival lo spazio di sperimentazione artistica diretto e fondato da Tommaso Clarici Monini.

L’edizione 2022 si svolgerà dal 24 giugno al 10 luglio a Spoleto, parallelamente al Due Mondi, e ospiterà più di 40 artisti che si esibiranno in performance, mostre, spettacoli di danza, DJ set e live. Ci saranno, tra gli altri: Sabla, produttore nato e cresciuto a Torino, che presenta “Music for Melted Floors”, un live composto dalle canzoni dell’omonimo album, riarrangiate e modificate per lo show; Furtherset, il progetto musicale di Tommaso Pandolfi; SSIEGE, uno dei talenti più interessanti del panorama underground italiano, con il progetto “Dreamy Pads of Insecurity”; Alda, artista rap che presenta il live show “Tana Libera Tutti”; Canva6, identità artistica di Marco Farina, con “Ten Minutes to Midnight”; Eva Geist, compositrice elettronica, che chiuderà il FuoriFestival 2022 con il progetto “Aqua Mantras”, creato insieme a Maria Torres.

Tre le mostre in programma: per la fotografia “ODD – One Drop a Day” di Cristiana Lolli per raccontare con uno scatto al giorno la natura artistica del Festival nella sua eccentricità; la mostra arti visive di Bernardo Tirabosco e Jacopo Naccarato, a cura di Francesco Maria Bartoli e testo di Davide Silvioli; la mostra di arte digitale NFT di Andrea Chiampo, fenomeno del momento.

“Vorremmo che il FuoriFestival rappresentasse la meraviglia, cioè quel sentimento di stupore che si prova quando si scopre per la prima volta qualcosa di nuovo” ha detto Clarici Monini, secondo cui “gli artisti che abbiamo scelto non sono mainstream, appartengono piuttosto a una nicchia e la maggior parte delle persone forse non conosce i loro nomi. Ma è proprio per questo che speriamo che la loro arte possa stupire il pubblico, come si rimane stupiti da qualcosa di inaspettato e bello”.

Anche le location scelte rispecchiano lo spirito del FuoriFestival. A testimonianza del legame tra questo appuntamento e il Due Mondi, alcune delle performance saranno a Casa Menotti, museo e storica dimora del fondatore del Festival di Spoleto Giancarlo Menotti. Tutte le altre, ad avvalorare la caratteristica off del Fuori Festival, si terranno in un giardino sospeso e completamente immerso nel verde che affaccia sul Duomo di Spoleto, uno spazio unico e suggestivo situato nel punto più alto della città, ai piedi della Rocca Albornoziana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *