Blog

In evidenza
Mariottini: C'è chi dice NO!

Di Giorgio Mariottini

Si spaventano per l’ Uranio impoverito transitato forse per gli stabilimenti di Baiano, i nostri esponenti della maggioranza Municipale.
Quello che mi chiedo, ma sono veramente preoccupati per la gente o è una pantomima?
Non è che i vari PD che minimizzano su la situazione ambientale abbiano espresso un qualche dubbio, punto di vista o  minimo interesse sul rischio di radioattività d’ importazione che sussiste quando tanti camion carichi di monnezza arrivano a scaricare dentro un’ inceneritore da OVUNQUE e magari qualsiasi cosa.
Per esempio le radiazioni, a Terni, si sono manifestate con fuoriuscite radioattive dall’ inceneritore, non rilevate dalle centraline degli addetti ai controlli, sostituite da quelle della Procura che hanno dimostrato la cattiva abitudine dell’ inceneritore ad emettere il non dovuto oltre al dovuto che è già di per se una schifezza.
Ed  i nostri politici utilizzano l’ organo di controllo per mettere le mani avanti tipo “AH, è l’ ARPA,  specialista del controllo ambientale, che ha autorizzato l’ inceneritore a Spoleto !!!!”.
Come se tocca esse specialisti per prevedere l’ avvelenamento di Spoleto
Comunque autorizzano gli inceneritori con non scialanz al grido strozzato “ma che ne so io!!!!”
Il sindaco di Campello, politico di altra levatura, invece ha dato buca a Regione, Arpa e imprenditori mai domi, dimostrando rispetto per i propri Concittadini, per il territorio, per il futuro.

Notizie
Città poco pulita e strade colabrodo

Per la GESTIONE DEI RIFIUTI dall’associazione di volontari avevano chiesto durante l’incontro dello scorso anno con Sindaco e Vus:

apertura di un tavolo di concertazione entro la prima metà di gennaio 2011 con  comune, Vus,  associazioni dei consumatori, ambientaliste e  di categoria per un protocollo d’intesa sulla corretta gestione dei rifiuti e la  diminuzione degli imballaggi

adozione di un’ordinanza sulla raccolta differenziata che preveda  raccolta porta a porta obbligatoria per uffici,  esercizi commerciali,   alberghi,   ristoranti,  bar,   scuole, ASL, presidio ospedaliero  per poi arrivare gradualmente  a tutte le famiglie; con sanzioni per i trasgressori

RISULTATO: la raccolta differenziata è solamente  al 31% , ma non è dato sapere dal sito VUS quanti materiali vengano riciclati, la discarica di S. Orsola chiuderà presto, la raccolta sembra stia decollando nelle frazioni, ancora in alto mare nel centro storico ma ancor più grave non nei ristoranti, bar ecc.  Orvieto non vuole i nostri rifiuti e  si parla di incenerimento nelle Cementerie.

Cittadinanzattiva è entrata nel COMITATO RIFIUTI ZERO che ha illustrato il 26 febbraio in un incontro pubblico le normative sulla gestione dei rifiuti, i problemi relativi all’incenerimento nei cementifici e una carrellata di buone pratiche che altri comuni italiani fanno senza inquinare e creando posti di lavoro.

RISULTATO: non  si riesce ad interloquire con il Sindaco su uno dei problemi più gravi e impellenti del nostro territorio. Già due incontri rinviati!  E naturalmente si continuano  a prendere decisioni senza la partecipazione dei cittadini……… anche in barba alle leggi! D.Lg n. 205 del 3 dicembre 2010 (Disposizioni di attuazione della direttiva 2008/98/CE) che obbliga alla concertazione di istituzioni e cittadini nella scelta di una soluzione appropriata e condivisa in tema di rifiuti e ambiente .

PULIZIA DELLA CITTA’ avevano chiesto da Cittadinanzattiva:

di far rispettare le ordinanze esistenti e prevedere una nuova ordinanza con sanzioni per chi sporca le strade

di prevedere, per la pulizia, il divieto di sosta almeno 1 v. la settimana per le strade (dove è possibile) oltre Viale Trento e Trieste e via Cerquiglia  con l’individuazione di parcheggi alternativi; pubblicizzazione del  provvedimento e previsione  in caso di sosta vietata per lo spazzamento: 1° sosta vietata – richiamo,  2° sosta vietata – multa, 3° sosta vietata – rimozione

RISULTATO: ci arrivano dai cittadini sempre più segnalazioni di strade sempre piene di escrementi di cane. Ma anche carte, imballi, cicche, ecc.; i cassonetti pieni di scatoloni.

Per lo spazzamento non viene fatto rispettare il divieto neppure dove esiste da tempo, puntualmente ogni martedì mattina alle 8,30 in V.le Trento e Trieste, (il divieto termina alle ore 8.00)  l’operatore ecologico con la scopa cerca alla meno peggio di tirar via rifiuti tra le macchine parcheggiate e il marciapiede.

ORDINANZA N. 320 /2010 (divieto panni stesi) avevamo chiesto il restringimento, riservandola unicamente alle piazze principali coniugando esigenze estetiche con quelle della vita quotidiana dei residenti.

RISULTATO: la Polizia municipale, da segnalazioni giunte,  avverte i cittadini del centro storico, del divieto di stendere i panni sulle pubbliche vie e delle sanzioni previste, abbiamo anche inviato una lettera, naturalmente non degna di risposta.

VICOLO BACIAFEMMINE nessuna risposta

VUS

Viene sempre lamentata la mancata o superficiale pulizia da parte di alcuni operatori, in particolare nelle vie del centro sotto il Duomo, e accuratissima pulizia solo nei pressi di alcuni ristoranti del centro.

Segnalazioni già fatte nel corso del monitoraggio ma anche direttamente dai cittadini ai responsabili ma senza alcun risultato duraturo, forse basterebbe cominciare  a controllare direttamente e prendere le dovute misure.

I cassonetti dei rifiuti  sempre sporchi e maleodoranti.

A.S.E.

Spoleto è sempre piena di quelle che noi seguitiamo a chiamare “buche” nonostante il corso di  formazione fattoci durante l’incontro di ottobre, con il presidente, depressioni grandi o piccole del manto stradale, che quando piove si riempiono di acqua che ti “inzacchera” ben bene al passaggio delle auto, o del marciapiede che quando ci passi sopra minimo “ti prendi una storta” e se del caso richiedi i danni al comune.      E sembra che di richieste ce ne siano molte!

“DETTO QUESTO FACCIAMO UN APPELLO AI CITTADINI DI SPOLETO, ITALIANI E STRANIERI  (a noi per primi)  AMIAMO E RISPETTIAMO DI PIU’ LA NOSTRA CITTA’

facciamo una corretta raccolta differenziata, non sporchiamo le strade, raccogliamo la pupu’ dei nostri cani, rispettiamo le leggi,  MA DIVENTIAMO ANCHE VERI CITTADINI ATTIVI, SOLO TUTTI INSIEME RIUSCIREMO  A SUPERARE LA SORDITÀ DELLA NOSTRA AMMINISTRAZIONE” hanno concluso da Cittadinanzattiva.

Notizie
Parente fa i conti a Benedetti: Ecco quanto spende il Comune per l’affidamento di lavori, forniture e servizi

Sono vere e proprie lamentele legate a dati reali quelle sfociate dal gruppo Spoleto 5 stelle, guidato dal capogruppo consiliare Carmelo Parente. “Dopo le numerose comunicazioni da parte del nostro sindaco in merito ai tagli fatti dal governo che lo costringono a risparmiare sui servizi ai cittadini, riscontriamo ogni giorno che pur con questo problema l’amministrazione non si tira indietro con l’elargire profumati stipendi ai dirigenti e dare consulenze che molto spesso lasciano il tempo che trovano” commentano i grillini.

“Ritorniamo su un argomento che Spoleto 5 Stelle trattò qualche tempo fa cioè quello relativo agli affidamenti di spesa per la vita quotidiana delle attività del comune. Il consigliere Parente aveva chiesto di rendere pubbliche le spese relative al quotidiano, ma l’amministrazione si è guardata bene di farlo” spiegano dal movimento politico di Beppe Grillo.

“A questo punto Spoleto 5 Stelle vuole prendere l’iniziativa e pubblicare gli affidamenti che il comune ha approvato per il Io semestre del 2010. Non ci spieghiamo alcune spese che vorremmo sottolineare. Salta subito all’occhio la spesa relativa al trasporto della posta interna. I cittadini devono sapere che il nostro comune, che ha oltre 200 dipendenti, spende per questo servizio dato esternamente (non riusciamo a capire come mai con un numero cosi cospicuo di dipendenti si debba far girare posta interna con personale esterno oltre tutto nell’era della tecnologia) la cifra di 19.615,00 euro.

Si continua con le spese relativi alle Elezioni regionali del 28 e 29 marzo 2010 che ai cittadini sono costate in totale 30.255,41 euro. Due domande sorgono spontanee: in un paese dove si vota ogni anno è possibile che si spendano cifre del genere? E come vengono custoditi questi materiali dopo la fine delle elezioni?

Ma la cosa che fa rabbrividire è che 4 giorni di apertura seggi sono costati, come riscaldamento, la cifra di 8.549,92 euro e allora altra domanda spontanea: ma per riscaldare le poche stanze dedicate a seggio si è riscaldato tutto l’edificio?

I cittadini possono verificare le voci di spesa su direzione SUIC dal n 1 al numero 28

Chiediamo lumi al sindaco in merito alla cifra complessiva di 147.736,05 di euro relativa alla spesa per fornitura di centraliniServer Farm e software vario considerando che Spoleto 5 Stelle aveva già chiesto quale spesa affrontava il comune in merito a licenze software. Spicca in queste spese un centralino automatizzato che costa 40.854,00 euro che non si sa a cosa servirà. Ci piacerebbe sapere a chi sono state affidate e a quale scopo le Business key lite con servizioready card del costo 780,00 euro (Direzione DOC n 22)

Sempre come spesa ci salta all’occhio la spesa relativa alla pubblicità su pagine bianche e sull’elenco telefonico pari a 4.371,50 euro (Direzione CUT n 1 e DOC n° 20)

Infine c’é l’affidamento relativo all’Osservatorio dei prezzi dove il comune ha finanziato una raccolta dei dati sui prezzi di 77 beni di generale e diffuso consumo, costituenti il “mini paniere umbro”, elargendo la somma totale di 14.000,00 (11.000,00 euro finanziati dalla regione, sempre soldi dei contribuenti). A tal proposito si chiede in che modo sono stati rilevati questi prezzi, visto che ogni prodotto da rilevare ha inciso  per una cifra pari a 181,00 euro.

Abbiamo voluto sottolineare alcuni affidamenti che ci sembrano fuori luogo e non opportuni alle esigenze della comunità in un momento critico e difficile come questo.

Gli affidamenti del Io semestre ammontano a 1.029.871,88 di euro, riteniamo quindi doveroso pubblicare l’intera direttiva 243/10 per sottoporla all’attenzione dei cittadini con il compito di tenerli aggiornati su quanto viene speso dal nostro comune.

Nell’attesa di pubblicare il resoconto del 2o semestre invitiamo tutti i cittadini a studiare questo documento per segnalarci eventuali riscontri non pertinenti (CLICCA SOPRA):DIRETTIVA_234/10: Affidamenti relativi al primo semestre 2010 (art.28, comma 2, del regolamento comunale per l’affidamento di
lavori, forniture e servizi in economia)
” hanno concluso così da Spoleto 5 stelle.

In evidenza
Gran colpo per l'Ospedale : Ginecologia arriva un nomone !

L’ annuncio sarà dato a breve, ma i ben informati che hanno seguito le trattative esultano . Nel reparto di Ginecologia , rimasto orfano a causa del pensionamento del dott. Martines , arriverà un numero uno assoluto , che porterà in dote  anche uno staff di altri tre dottori  da favola. La notizia non ancora ufficializzata, ha fatto esultare quanti in questi tempi hanno cercato di fugare le nubi che regolarmente si addensano sul nosocomio  spoletino. L’arrivo del nuovo  professore è inoltre un segnale positivo per tutta la città , sempre terrorizzata dalla sorte della più importante struttura cittadina. Lo spauracchio di non dover vedere più nascere “spoletini” a Spoleto è quindi per il momento accantonato e, è proprio il caso di dire, si può guardare con più ottimismo al futuro. Non rimane che attendere martedì o mercoledì per l’annuncio ufficiale, in cui sarà consentito anche agli organi d’informazione di rivelare il nome tanto atteso.

Notizie
Alle 14 su Umbria TV per cofermare il record di 60.000

Alle 14 torna spoleto7giorni, con una puntata che è sicuramente tra le più belle di quest’anno. Servizi sulla mostra di Michael Jacob, i festeggiamenti per il 150 della XX Settembre e della Dante Alighieri, le vittorie de Il Movimento, Zicavo e Martellini presentano il gemellaggio con la Lazio, il TIR che si è ribaltato sulla rampa per Cascia-Norcia , la richiesta degli abitanti di Boilana e tanto altro ancora su Umbria Tv, per bissare il record della scorsa settimana, che ha visto ben 60.0000 contatti . Vi aspettiamo .

In evidenza
L'informazione e altri aforismi di Marcello Titta
Per un lettore impegnato, reale, che vive da protagonista il proprio tempo e lavoro e che non rinuncia alla qualità della vita.
Per una lettrice che ama aggiornarsi, condividere, confrontarsi, dialogare e che non rinuncia alla partecipazione della quotidianita.
Insomma per non essere ingessati il bisogno assoluto si chiama informazione.
Oggi esiste tanta quanta informazione, via etere, digitale, satellitare, via web, carta stampata, puoi aggiornarti comodamente la mattina in macchina mentre ti stai recando al posto di lavoro.
Oppure mentre fai la tua oretta di camminata veloce con le cuffiette infilate nelle orecchie;  nell’attesa che arrivi il tuo turno, sdraiati sul divano, a pranzo a cena, comodamente al bagno mentre aspetti il grande impatto con l’evacuazione quotidiana.
L’informazine arriva e arriva di continuo, persistente, invadente.
E noi dobbiamo assorbirla tutta. Guai diversamente.
Attenzione se arriva la notiziaccia, si quella brutta brutta quella che ti fa rigettare i famosi gnocchi di Natale, dobbiamo assolutamente
essere i primi ad informare e diffonderla a tutti coloro che conosciamo bene o meno.
In evidenza
Napolitano conferma : sarà a Spoleto per il concerto finale !

Il Sindaco Benedetti conferma  la visita del capo dello Stato alla 54° edizione del Festival dei 2 Mondi . Ma non come trapelato all’inizio per la serata inaugurale, bensì per il concerto in Piazza del Duomo , che concluderà la kermesse  con musiche d’ispirazione risorgimentale. Sarà quindi una chiusura in pompa magna nobilitata dalla presenza del dinamico Presidente Giorgio Napolitano, raggiante per il successo che i festeggiamenti per il 150 esimo dell’Unità d’Italia stanno avendo. Spoleto, come abbiamo più volte ricordato, è tra le città a cui è stato riconosciuto un significativo valore risorgimentale e sarà sicuramente meta di mostre anche lo storico Palazzo Pianciani, costruito da una delle famiglie che hanno contribuito all’Unità d’Italia e alla liberazione di Spoleto avvenuta il 17 settembre 1860.

Speriamo quindi che in un’occasione così importante il direttore artistico del Festival , Giorgio Ferrara, questa volta , non salga sul glorioso palco di Piazza Duomo con la giacchetta slacciata , come lo scorso anno , in cui non fece proprio una figura di grande eleganza !

In evidenza
Costruzioni sulle Mura : Di chi è la colpa ?

Italia Nostra  segnala un nuovo caso nella già martoriata zona delle Mura Medievali di Spoleto nel tratto di via Martiri della Resistenza. Questa volta si tratta della costruzione di un distributore, o meglio, del riammodernamento di un distributore già esistente.  Siamo già arrivati ad un’altezza di più di un metro e non è dato sapere il progetto conclusivo come finirà. Noi non lo sappiamo, ma gli organi preposti all’approvazione del progetto si.  Mentre si tirano sù queste strutture, che a quanto è dato vedere, copriranno ancora una volta la visuale di questo monumento del passato, c’è chi ha già , visionato ed approvato il progetto , chi ha deciso che così va bene. Saranno gli stessi, Soprintendenza, Ufficio Urbanistica, che poi si troveranno di nuovo coinvolti in una serie di problemi: da una parte chi reclama, dall’altra chi vuole finire i lavori. La nostra domanda è molto semplice : non ci si può pensare prima ? E’ tanto difficile creare regolamenti e leggi chiare  da rispettare in prossimità di punti ad interesse storico-artistico ? Perchè si deve di nuovo rimettere in piazza comitati costretti ad impedire errori fatti da altri ? E mi chiedo , il gestore del distributore, che colpa ne ha , se il progetto verrà fermato e lui potrà riaprire le pompe con chissà con quali ritardi ?  Come diceva Bob Dylan : la risposta soffia nel vento ! Ed intanto , dopo lo scandalo dell’Ecomostro non ancora definito, siamo qui di nuovo a guardare attoniti , quale poco rispetto abbiamo per il nostro passato , che in tanti ancora non hanno capito, sarà la ricchezza del nostro futuro.

Sport
Campionati Regionali Assoluti: Risultati storici per IL DELFINO SPOLETO

Sembrava destinato ad essere uno dei tanti campionati regionali assoluti quello disputato ad Umbertide il 19 e 20 marzo scorso. Invece qualcosa ha scosso tutto e tutti, rendendolo simile ad un emozionante film di A. Hitchcock che inizia con un avvenimento spettacolare per poi aumentare suspence e tensione. Ad inaugurare la due giorni di gare Andrea Sartorini con il 400 stile libero, per il quale pensava di aspirare al bronzo, avendo il quarto tempo di iscrizione. Ma qualcosa è andato storto. Le sue previsioni sono state completamente ribaltate già dopo i primi 100 metri, quando due nuotatori si sono evidenziati rispetto agli altri: uno era Andrea. La coppia di atleti si è rincorsa spietatamente per tutta la distanza di gara, distaccandosi nettamente dal resto dei partecipanti. In ultimo il sorpasso: Andrea è arrivato al primo posto stabilendo il suo personale (4’17”) e conquistando il titolo di Campione Regionale Assoluto. Ma la tensione era destinata a salire, proprio come i film del regista inglese. Ecco arrivare il turno di Rosanna Tabano (nella foto), la quale si è letteralmente “mangiata” le avversarie guadagnando l’oro nei 100 e 200 rana e l’argento nei 50 rana, nei 50 stile libero e nei 200 misti, non concedendo tregua alle altre nuotatrici e senza minimamente risparmiarsi. Piazzamento d’eccellenza anche per Alessandra Alessi, che si è piazzata al secondo posto assoluto nei 200 misti. Ed ecco arrivare la mitica staffetta 4×200 stile libero maschile. Dopo il fallimento di un mese fa, in cui i nostri hanno perso l’opportunità di vincere la medaglia nella categoria Juniores ottenendo il tempo di 8’41”, l’obiettivo era chiaro: o si scendeva sotto gli 8’30” o si cambi ava sport…Partiti! Primo frazionista Nicola Guitti, che si è migliorato di 2 o 3”, a seguire edoardo Mazzocanti, che ugualmente migliora il suo tempo, mantenendo il terzo posto. Ecco la volta di Andrea Sartorini, che riesce magnificamente a risalire la classifica e a portare la sua squadra al primo posto…Il pubblico esultava sulle tribune, i più erano increduli di una simile impresa, al bar della piscina si diffondeva la voce che la staffetta del Delfino Spoleto stava compiendo un’impresa senza eguali. Ed infine si è tuffato in acqua Francesco Staffa che, senza nulla vantare ai suoi compagni di squadra, realizza una frazione eccellente chiudendo la gara al terzo posto assoluto!!! Un tripudio generale, un clamore inaudito. Applausi tra il pubblico, commozione tra i genitori e nell’allenatore, entusiasmo alle stelle…la fine del mondo. Il Delfino Spoleto ha battuto i suoi fratelli maggiori…(scusateci ragazzi ma voi vincete sempre!)…Un risultato storico. Ed infine la nostra Ilaria Bocchini con gli 800 stile libero, per la quale c’era grande attesa e molte speranze. Terza sulla carta, sembrava poter aspirare a qualcosa di più. Interpretata magistralmente, e con un miglioramento di ben 6 secondi sul suo personale, la gara di Ilaria viene però annullata da una squalifica per falsa partenza. Una grande delusione ma un altrettanto grande stimolo per migliorarsi alla prossima occasione. Complimenti di cuore.

Andrea Wojewoda