Spoleto, dipendente presenta ricorso al Comune: la Corte d’Appello di Perugia dà ragione all’Ente

ricorso

Riconosciuta la correttezza dell’operato dell’Ente: dipendente condannato a pagare le spese legali 

L’operato del Comune di Spoleto è stato corretto: questa in estrema sintesi la sentenza della Corte d’Appello di Perugia che la scorsa settimana si è pronunciata sul ricorso presentato da un dipendente dell’Ente.

I magistrati, con la sentenza del 17 giugno hanno di fatto ribaltato quella del Tribunale Civile di Spoleto che, nell’aprile 2019, aveva condannato in primo grado l’Ente a pagare al lavoratore anche le quote non versate al fondo di assistenza e previdenza complementare previsto per il Corpo della Polizia Municipale.

Il ricorso, risalente al 2017, era stato presentato dal dipendente del Comune di Spoleto nella convinzione che gli dovessero essere riconosciuti sia il grado di capitano, che sosteneva di aver raggiunto nonostante non svolgesse nel periodo di riferimento funzioni lavorative legate alla vigilanza, sia le somme che annualmente il Comune versa in un fondo previdenziale per la Polizia Municipale.

All’Ente, rappresentato e difeso dall’avvocato Monica Picena, è stata quindi riconosciuta la correttezza del proprio operato nei confronti del lavoratore, condannato a pagare al Comune di Spoleto le spese legali dei due gradi di giudizio per un totale di 7.900 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *