Spoleto, Mauro Magrini racconta il naturalista Bernardino Ragni

Nell’ambito della rassegna di conferenze dell’Accademia degli Ottusi (già Accademia Spoletina), a Spoleto Venerdì 12 aprile, ore 17, nelle sale della biblioteca comunale in Palazzo Mauri a Spoleto, si terrà una conferenza dal titolo “Uno per tutti: Bernardino Ragni”, a cura di Mauro Magrini, naturalista.

Un’occasione per ricordare uno studioso e accademico da poco scomparso e ripercorrere i suoi interessi in ambito naturalistico, gli studi sul gatto selvatico, sulla lince, sull’aquila, sul lupo ecc. realizzati nel corso della sua carriera di ricercatore instancabile. Bernardino Ragni, già ricercatore di Biologia animale e professore di Zoologia ambientale e di Gestione faunistica presso l’Università degli Studi di Perugia, è stato un esperto di biologia e conservazione dei tetrapodi, uso sostenibile e conservazione delle risorse naturali viventi, del paesaggio e del territorio. Autore e coautore di oltre 160 pubblicazioni scientifiche e specialistiche, membro della Species Survival Commission e del Cat Specialist Group dell’IUCN, The World Conservation Union, nonché fondatore della Società di Biologia Ambientale.

Mauro Magrini, laureato in Scienze Naturali, ha frequentato la Scuola di Ecologia Comportamentale dei Vertebrati dell’Università di Firenze. Ha collaborato con l’Istituto di Zoologia della facoltà di Scienze Naturali dell’Università di Perugia. La sua competenza, in qualità di esperto ecologo e di naturalista, lo ha portato a ricoprire incarichi importanti a valenza naturalistica e a prestare la sua collaborazione nell’ambito della gestione di oasi naturalistiche. Le numerose sue pubblicazioni attestano la sua professionalità nell’ambito della conoscenza della natura e in particolare del settore avifaunistico. E’ esperto in valutazioni di impatto ambientale.

Il programma di conferenze di primavera dell’Accademia degli Ottusisi presenta anche quest’anno di grande interesse affrontando temi di rilievo locale, nazionale e internazionale, affidati a relatori di alta professionalità. Un’offerta culturale varia e accattivante con incontri che nascono per soddisfare le esigenze culturali dei soci e poi si allargano agli studiosi e ai concittadini.

Dopo l’anteprima svoltasi sabato 16 marzo 2019 con la presentazione dell’ultimo numero della rivista “Spoletium” dedicata agli eventi sismici che hanno colpito Spoleto e la Valnerina nel 2016, si comincia quindi con una serie di sette conferenze. Il prossimo appuntamento è fissato per Venerdì 3 maggio, ore 17, conversazione sul tema “Il Cantico di Frate Sole fra vecchie polemiche e programmi nuovi” a cura di Rodneyj. Lokaj, Università degli Studi di Enna, “Kore”. A seguire, Venerdì 17 maggio, ore 17, il tema della conferenza sarà invece incentratoo su “Musicoterapia e famiglia: la musica come sostegno alla genitorialità” a cura di Gianni Cipriani, professionista della musicoterapia, presidente Shir (Associazione professionale toscana di musicoterapia dinamica). Per finire, sabato 8 giugno, ore 17, si terrà una conferenza su “Loreto Vittori, cantante, musicista e uomo di lettere tra Spoleto e Roma” con Elisabetta Frullini dell’Università di Vienna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque − quattro =