Spoleto, puntare sulla ricostruzione per ridare ossigeno ai territori

Riceviamo e pubblichiamo la nota stampa di Valeria Severini, presidente di Confartigianato Spoleto

Puntare sulla ricostruzione per ridare ossigeno economico a territori in crisi profonda da anni e rilanciare la filiera dell’edilizia che nel territorio spoletino vede presenti molte imprese che vantano esperienza e professionalità. E’ la via per ricreare posti di lavoro e rigenerare spazi ormai sterili da anni.

Il nostro territorio deve tornare ad essere fulcro del sistema ricostruzione perché ha tutti i requisiti per affrontare questa ripartenza, con questo messaggio la presidente di Confartigianato Spoleto, Valeria Severini sta da tempo sollecitando i diversi interlocutori ed è la posizione che con impegno stanno portando avanti i tre rappresentanti del territorio all’interno del Direttivo Confartigianato Edilizia Perugia: Marco Arca, Anna Montefalchesi e Mauro Verrelli.

Nei giorni scorsi, in occasione della riunione del Direttivo Provinciale dell’Edilizia di Perugia, proprio per affrontare i problemi burocratici creatisi a seguito Sisma 2016, hanno rappresentato con forza quesiti e problematiche all’attenzione del Presidente Edilizia Provinciale Augusto Tomassini, che si è dimostrato più volte attivo nelle richieste da parte di Spoleto.

I temi più importanti messi in discussione nella riunione hanno riguardato il Disegno di Legge della Giunta Regionale relativo alla ricostruzione delle zone colpite dal Sisma del 2016, la Legge 24.07.2018 n.89 (Conversione del D.L. 55/2018) e l’ Ordinanze Commissariali n. 59- 60- 61

In tutti i casi gli imprenditori presenti al direttivo, hanno espresso delusioni e preoccupazioni per come si stanno approcciando le problematiche già da tempo segnalate.

Nel Disegno di legge della Giunta Regionale non si capisce perchè l’art.18 ( Interventi nello spazio rurale) sia applicabile integralmente nei Comuni di NORCIA, CASCIA, PRECI e MONTELEONE DI SPOLETO , parzialmente applicabili nei Comuni inclusi negli allegati 1 e 2 del DL 189/2016 e NON APPLICABILI AI RESTANTI COMUNI ricadenti nell’Articolo 1del DL 189!. Ricordiano che i Comuni del cratere sono n.15 e gli altri Comuni con segnalazione e riconoscimento dei danni sono addirittura n.64, e rappresentano il 35% del danno complessivo creato agli eventi sismici del 2016.sisma 2016. Cosi facendo non si permette ad una notevole fetta di edifici, gravemente lesionati, di applicare quelle agevolazioni per prevenzione, quali ( delocalizzazioni di abitazioni , riduzione dei piani con incremento dell’area di sedime fino al 100%, delocalizzazione di attività produttive ecc.).

Non si capisce come mai i proprietari degli edifici gravemente danneggiati non possano utilizzare la norma che “per cause impeditive documentate dipendenti dal dissesto dei terreni ”gli permetterebbe di delocalizzare il proprio fabbricato spostandolo da un zona altamente a rischio!! Tutti sappiamo come l’intera Regione Umbria sia a rischio Dissesto Idrogeologico.
Il rischio concreto è quello di far si che il proprietario, visto comunque il persistere del problema, decida di rinunciare al contributo oppure faccia l’intervento con il rischio di problematiche future.

Così facendo le imprese sarebbero comunque penalizzate in questo momento di scarso lavoro. Inoltre, come altro punto, si è discusso della conversione in legge del D.L 55/2018 con la quale si è aumentata la soglia di obbligatorietà per l’attestazione SOA che è passata da € 150,00 ad € 258,00.
Peccato però che tale innalzamento di soglia valga solamente per LA RICOSTRUZIONE LEGGERA! Pertanto ci domandiamo perchè la stessa impresa non possa fare lo stesso importo di lavori sia che siano di ricostruzione leggera che pesante !

Infine, prendendo in esame l’Ordinanza n. 59 del 31 luglio 2018 riguardante le modalità e procedure di verifica a campione sugli interventi di ricostruzione privata ammessi a contributo, leggendo l’Art 2 ci chiediamo, nel caso in cui in fase di verifica venissero riscontrate inesattezze nella compilazione dei progetti, la sospensione dei lavori a chi verrà addebitata?
Le imprese non potrebbero sicuramente accollarsi settimane se non mesi di fermo cantiere!

Auspichiamo un dialogo più approfondito con le aziende presenti nei territori di Spoleto e della Valnerina, proprio per avere un riscontro ed una più ampia possibilità di confronto.
L’Associazione ha come ruolo il farsi portavoce dei propri iscritti soprattutto nei tavoli istituzionali, non dimenticando i diretti interessati e le imprese sulle quali queste decisioni ricadono, imprese che cercano all’interno dell’Associazione un Sindacato capace di recepire le reali necessità del territorio e che sia risolutore di importanti tematiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

8 − due =