Spoleto, la segnalazione: “San Venanzo come una periferia del Terzo Mondo”

Ci giunge l’ennesima segnalazione di una discarica a cielo aperto da San Venanzo.

L’ennesima perché non è la prima volta che la cosa ci viene segnalata (e noi pubblichiamo), ma poi la situazione non cambia: una delle due discariche a cielo aperto si trova nella popolatissima e trafficata via San Benedetto (dove peraltro, oggi, ci sono stati segnalati via mail anche diversi tombini intasati che, dopo il temporale di ieri, hanno trasformato le strade in torrenti), l’altra, quella del quale ci occupiamo oggi, si trova in via Santa Caterina (ex Malfondo).

Un nostro lettore ci segnala la (periodica) situazione che vediamo in foto, già segnalata numerose volte – anche tramite i nostri canali. “Putroppo,” ci dice il lettore, “contro l’inciviltà e l’ignoranza di certi nostri concittadini, si può solo intervenire con i mezzi che offre la legge, ad esempio identificando e multando chi abbandona tutti quei rifiuti (tra cui, spesso, elettrodomestici). E’ comunque inammissibile che si lasci uno scempio simile per settimane, col risultato che gatti e altri animali aprono quei sacchi sparpagliando un po’ dappertutto il loro contenuto.

Cose del genere avvengono nelle periferie del Terzo Mondo, viene da chiedersi quindi se San Venanzo è considerata tale dall’Amministrazione comunale e VUS.

Qualcuno trovi una situazione definitiva.

3 Responses

  1. Non capisco. Non ci riesco, chiedo scusa. Perchè incazzarsi con l’amministrazione comunale e con il VUS e non con gli incivili abitanti della zona?

  2. Sono completamente d’accordo con Carlo Alberto cosa c…o c’entra il comune o la vus con l’incivilta delle persone.vorrei consigliare invece di denunciare pubblicamente quelli che gettano tutti quei materiali in mezzo alle strade.qualcuno sicuramente avrà visto chi è stato.meno omertà è più senso civico sicuramente si risolverebbero tanti problemi.buona serata e occhi sempre aperti

  3. SCOPERTO IL COLPEVOLE, GROSSISSIMA MULTA E OBBLIGO, A SPESE DELL’INCIVILE, DI TOGLIER TUTTO ….
    LA VUS NON E’ LA SERVA DI CASA…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *